Coordinamento nella sicurezza pubblica

Come possono gli operatori di primo soccorso prendere le decisioni migliori, insieme?

Contattateci

Lavorare insieme

Decidere sotto pressione è fequente per gli enti di sicurezza pubblica. Per ottenere le informazioni giuste dalla persona giusta al momento giusto, tutte le parti coinvolte devono essere coordinate. Ma come si possono identificare facilmente le minacce e orchestrare i membri del team e le risorse, mantenendo al contempo i cittadini informati sull’evoluzione della situazione? Quando arrivano sulla scena, i primi soccorritori hanno bisogno di informazioni istantaneamente per affrontare l’incidente in questione. Le soluzioni di nuova generazione permettono a tutti gli enti, dalla polizia ai vigili del fuoco e ai servizi medici, di condividere le informazioni in tempo reale e di lavorare insieme per mantenere le persone al sicuro.

Nuove sfide per il coordinamento della sicurezza pubblica

Sistemi PSAP isolati

In molte regioni, centri di risposta indipendenti e specifici per ogni ente, dirigono la polizia, i vigili del fuoco e il personale medico sul posto. Naturalmente esiste un certo coordinamento, ma in pratica la separazione dei compiti isola le organizzazioni di sicurezza pubblica all’interno di silos, con pochi filtri per lo scambio di informazioni tra gli enti. Di conseguenza, il coordinamento è ostacolato e limitato a pochi scenari predefiniti. Il personale non può condividere facilmente informazioni.

Comunicazioni disparate e obsolete

Sul campo, le attrezzature di comunicazione dei primi soccorritori sono spesso inadeguate. Gli investimenti del passato hanno bloccato molti enti in standard di comunicazione obsoleti progettati solo per comunicazioni vocali. Per eseguire le odierne applicazioni dati, gli operatori di primo soccorso devono portare con sé dispositivi aggiuntivi che sono scollegati dai canali vocali. Questo rende anche difficile chiamare i colleghi di altri enti, se i loro dispositivi sono incompatibili.

Applicazioni inadeguate

Decisioni in emergenza rapide e accurate richiedono informazioni giuste. Ma troppo spesso i dati visualizzati sui monitor degli operatori dei centri di risposta sono troppo scarsi o imprecisi. E il personale sul campo potrebbe anche non avere affatto monitor disponibili. Questo fa sì che tutti spendano del tempo prezioso a descrivere informazioni di base, come la posizione, piuttosto che coordinare le risposte di emergenza in modo efficiente ed efficace.

Le soluzioni collaudate di Atos

PSAP multi-ente

Sempre più spesso, le autorità di sicurezza pubblica regionali e nazionali adottano sistemi unificati che comprendono più enti, dalla polizia ai vigili del fuoco ai servizi medici di emergenza. Tutti questi si adeguano alle specifiche esigenze di riservatezza e alle informazioni tipiche di ogni corpo speciale. Rendono facile la condivisione delle informazioni in modo naturale e coordinato sul campo per una risoluzione rapida ed efficiente. Questi sistemi unificati comprendono sia le applicazioni che le comunicazioni. Poiché tutto il personale di pubblica sicurezza usa gli stessi strumenti, o strumenti che sono completamente interoperabili, aumenta il livello di consapevolezza della situazione e si facilita la formazione, il supporto e il coordinamento su larga scala.

Comunicazione per le esigenze di oggi

Il coordinamento è una sfida umana – la tecnologia da sola non può vincerla, ma gli strumenti moderni fanno davvero la differenza. Smartphone, reti private resilienti e infrastrutture basate su IP permettono di condividere in modo affidabile tantissime informazioni relative a una missione con l’usabilità che il personale si aspetta. Non c’è bisogno di perdere gli investimenti passati in radio LMR/PMR – questi dispositivi possono essere collegati alle reti 4G/5G con moduli aggiuntivi.

Applicazioni ricche di informazioni

Le informazioni possono salvare la vita, ma questo non significa che sia necessario un sovraccarico di dati. Al contrario, col personale vanno condivisi solo i dati essenziali affinché possa prendere rapidamente le giuste decisioni. L’accesso a una moltitudine di dati geografici, video e sensori richiede applicazioni che si adattano all’utente, sia nel PSAP che sul campo. Dalla sorveglianza basata sui dati agli alert basati sul contesto, le applicazioni flessibili integreranno nel prossimo futuro nuove funzionalità come le notifiche per le comunicazioni multimediali.

Sorveglianza predittiva

Sfruttando e utilizzando i dati di sistemi di monitoraggio urbano e di fonti internet aperte, le città possono mantenere le comunità sicure e protette. Le informazioni sono fondamentali per preparare le missioni delle forze dell’ordine, prendendo in considerazione dati come il contesto locale, le attività in corso sui social media e la cronologia delle chiamate. Sono inclusi gli avvisi preventivi che aiutano a classificare gli incidenti e a guadagnare minuti preziosi per evitare che le situazioni degenerino.

Facilità d’uso

Per prendere rapidamente decisioni critiche, gli operatori che rispondono e smistano le chiamate hanno bisogno di una presentazione intuitiva degli elementi giusti quando ne hanno più bisogno. Per evitare il sovraccarico di informazioni, la caccia ai dati e la manipolazione eccessiva, le schermate devono essere semplificate e fornire i dati giusti al momento giusto. E le informazioni devono essere condivise automaticamente tra le parti interessate in base alle necessità, tra il PSAP e tutti i primi soccorritori.

Notre esperto

Eric Wahed

Global Head of PS&D NG112 EMEA

Contattateci

Per ulteriori informazioni sulle nostre soluzioni, compilate il seguente modulo di contatto: