Our website uses cookies to give you the most optimal experience online by: measuring our audience, understanding how our webpages are viewed and improving consequently the way our website works, providing you with relevant and personalized marketing content.
You have full control over what you want to activate. You can accept the cookies by clicking on the “Accept all cookies” button or customize your choices by selecting the cookies you want to activate. You can also decline all non-necessary cookies by clicking on the “Decline all cookies” button. Please find more information on our use of cookies and how to withdraw at any time your consent on our privacy policy.

Managing your cookies

Our website uses cookies. You have full control over what you want to activate. You can accept the cookies by clicking on the “Accept all cookies” button or customize your choices by selecting the cookies you want to activate. You can also decline all non-necessary cookies by clicking on the “Decline all cookies” button.

Necessary cookies

These are essential for the user navigation and allow to give access to certain functionalities such as secured zones accesses. Without these cookies, it won’t be possible to provide the service.
Matomo on premise

Marketing cookies

These cookies are used to deliver advertisements more relevant for you, limit the number of times you see an advertisement; help measure the effectiveness of the advertising campaign; and understand people’s behavior after they view an advertisement.
Adobe Privacy policy | Marketo Privacy Policy | Pardot Privacy Policy | Oktopost Privacy Policy | MRP Privacy Policy | AccountInsight Privacy Policy | Triblio Privacy Policy

Social media cookies

These cookies are used to measure the effectiveness of social media campaigns.
LinkedIn Policy

Our website uses cookies to give you the most optimal experience online by: measuring our audience, understanding how our webpages are viewed and improving consequently the way our website works, providing you with relevant and personalized marketing content. You can also decline all non-necessary cookies by clicking on the “Decline all cookies” button. Please find more information on our use of cookies and how to withdraw at any time your consent on our privacy policy.

Skip to main content

EcoAct: di fronte alla crisi climatica, le aziende del FTSE MIB seguono quelle europee e internazionali

Milano (Italia) – 24 ottobre 2022

Le più grandi società del mercato occidentale dimostrano impegno a raggiungere ambizioni net-zero, e lottano per trasformare l’ambizione in una strategia aziendale orientata al clima e in una sostanziale riduzione delle emissioni.

EcoAct, una società di Atos, ha pubblicato oggi il suo 12° Corporate Climate Reporting che analizza le attività delle più grandi società quotate al mondo per affrontare le sfide della sostenibilità legate al clima e rivelarne i progressi. Il rapporto del 2022 rivela che le aziende sono più impegnate che mai sul tema del clima e il loro impegno verso il Net Zero è in aumento, ma l’incapacità di trasformarlo in strategia aziendale, azione per il clima e riduzioni delle emissioni sta ostacolando i progressi nel limitare l’aumento della temperatura a 1,5°C.

Lo studio ampliato di quest’anno include per la prima volta l’Italia e confronta i progressi delle 20 maggiori società per capitalizzazione di mercato in FTSE MIB, CAC, DAX, DOW, IBEX e FTSE. Queste aziende coprono 27 diversi settori e sono state valutate in quattro categorie tematiche: misurazione e rendicontazione delle emissioni; Ambizione e obiettivi di riduzione delle emissioni; Strategia, governance e piano d’azione; e risultati.

Mentre solo le 20 società più grandi sono state incluse nell’analisi globale, gli esperti di EcoAct hanno valutato tutte le 40 società FTSE MIB per stabilire un benchmark delle prestazioni di reporting climatico per il mercato italiano.

A causa della mancanza di driver legislativi, le aziende italiane non mostrano lo stesso livello di impegno per il clima rispetto alle loro pari in Europa, Regno Unito e Stati Uniti. Solo il 50% delle più grandi società del FTSE MIB si è impegnato a raggiungere lo zero netto, che è il punteggio più basso tra tutti e 6 gli indici. Sebbene il 35% delle società del FTSE MIB abbia un piano di transizione allineato a 1,5°C, superando quelle del CAC e del DAX (30%) e alla pari con le loro pari nel DOW, restano indietro rispetto all’IBEX (45%) e il FTSE (55%).

Il rapporto ha rilevato che il mondo sta dimostrando ambizione e impegno nel comunicare e ridurre le emissioni, ma non riesce a fornire le effettive riduzioni delle emissioni necessarie per limitare l’aumento della temperatura a 1,5°C. Il 70% delle grandi aziende si impegna a raggiungere lo zero netto, ma i progressi sono trascurabili se si considera che gli impegni aziendali non sono sempre allineati alla scienza e la maggior parte sono strategie a breve termine.

Le aziende del FTSE MIB hanno più margini di miglioramento quando si tratta di Scope 3, o emissioni della catena di approvvigionamento. Nel 2021, le loro emissioni di Scope 3 sono aumentate del 41%, che è più dell’aumento totale di Scope 3 di CAC (15%), IBEX (6%), DAX (5%) e FTSE (1%) messi insieme; il DOW è stato l’unico indice a mostrare una riduzione delle proprie emissioni di Scope 3 (-5%). Se le aziende italiane non stanno riducendo le proprie emissioni Scope 3, è potenzialmente perché non tutte stanno misurando e rendicontando queste emissioni: solo il 77% del FTSE MIB riporta qualsiasi categoria di emissioni Scope 3, mentre tutti gli altri indici superano l’85%, e nessuna delle 20 maggiori società del FTSE MIB ha un obiettivo di riduzione Scope 3 a breve termine allineato a 1,5°C.

A livello internazionale, le società in cima alla classifica includono Telefónica, Sanofi, E.ON, Cisco Systems e GSK; una società del FTSE MIB – Eni – si è classificata all’ottavo posto nella top 20 internazionale. Sebbene le aziende siano migliorate nella definizione degli obiettivi, lo standard scientifico elevato stabilito dall’SBTi si è rivelato difficile da raggiungere. Poco più di un terzo (35%) delle grandi aziende ha un obiettivo basato sulla scienza (SBT) convalidato allineato a 1,5oC per le emissioni di Scope 1 e 2 e solo l’8% ne ha uno per le emissioni critiche di Scope 3 che provengono dalle loro catene di approvvigionamento. Inoltre, la maggior parte delle società quotate di grandi dimensioni non ha dimostrato adeguate riduzioni delle emissioni nel corso dello scorso anno quando l’economia si è ripresa dal COVID-19.

Gli ultimi anni dello studio confermano il vasto potenziale che le grandi aziende hanno per muovere l’ago sulla riduzione delle emissioni di carbonio, dimostrando anche la possibilità di ottenere un vantaggio competitivo attraverso l’azione sulla sostenibilità.

Per saperne di più su EcoAct e le sue soluzioni per aiutare ad affrontare efficacemente le sfide del cambiamento climatico, visita www.eco-act.com/it.

Scarica il report completo da qui.

# # #

About Atos

Atos è leader globale nella trasformazione digitale con 109.000 dipendenti e un fatturato annuo di 11 miliardi di euro. Numero uno in Europa in ambito Cybersecurity, Cloud e High Performance Computing, il Gruppo fornisce soluzioni end-to-end per tutte le Industry in 71 paesi. Pioniera nei servizi e nei prodotti a supporto della decarbonizzazione, Atos si impegna a garantire un digitale sicuro e decarbonizzato per i propri clienti. Atos è una SE (Societas Europaea), quotata su Euronext Paris e inclusa nell’indice Next 20 Paris Stock.

Lo scopo di Atos è aiutare a progettare il futuro nelle tecnologie dell’informazione. Le sue competenze e i suoi servizi supportano lo sviluppo della conoscenza, dell’istruzione e della ricerca con un approccio multiculturale e contribuiscono all’eccellenza scientifica e tecnologica. In tutto il mondo, il Gruppo consente ai suoi clienti, dipendenti e alla società in generale di vivere, lavorare e progredire nelle tecnologie dell’informazione in modo sostenibile e sicuro.

Press Contact

Alice Di Prisco | alice.diprisco@atos.net

# # #

About EcoAct, azienda del Gruppo Atos

EcoAct, una società Atos, è una società internazionale di consulenza che supporta le aziende nella definizione di solide strategie net-zero allineate alla scienza e nel raggiungimento dei loro obiettivi climatici. Fondata in Francia nel 2006, l’azienda ora copre tre continenti con uffici a Parigi, Lione, Londra, Barcellona, Madrid, New York, Montreal, Monaco, Amsterdam, Milano e Kenya.

Con un team di oltre 300 esperti climatici internazionali, lo scopo principale di EcoAct è quello di aprire la strada alla fornitura di soluzioni aziendali sostenibili che offrano un vero valore sia per il clima che per il cliente. EcoAct è un CDP Gold Partner, un membro fondatore di ICROA, un partner strategico nell’attuazione dei Gold Standard for the Global Goals e fa capo all’UN Global Compact.

EcoAct | https://eco-act.com/it/